MODENA 5 – FERRARA 6

CONTINUA LA MARCIA VITTORIOSA DEL FERRARA CHE BATTE (6 A 5) IL FORTE E TEMUTO MODENA A CASA LORO.
Sarà perché il Modena è sempre stata la bestia nera del Ferrara, sarà perché anche quest’anno il Modena ha i favori del pronostico dalla sua parte, sarà che a causa di una squalifica di Sartore, il Ferrara scende in campo senza il capocannoniere del campionato, che quando, dopo appena 54 secondi, i canarini passano in vantaggio con un tiro di Ballarin da metà campo, i presagi più scuri, cominciano ad affacciarsi nelle menti dello sparuto pubblico Ferrarese presente al Palasacca.
Invece, piano piano, grazie in particolare alla loro voglia di vincere e alle intuizioni tecniche dell’allenatore ferrarese Frizzi che in verità ha diretto magistralmente la sua pattuglia, i ragazzi estensi, dapprima iniziano a controllare i modenesi e poi prendono in mano il bandolo della matassa e iniziano a macinare gioco e movimento. Infatti, già al 5’ raggiungono il pareggio, grazie ad un tiro veloce e preciso di Valente che sorprende il pur bravo Lucchini, che ancora tanti ricordano quando difendeva la porta della squadra ferrarese quando questa disputava la serie A1.
Poi ancora 8 minuti e Ricci, raccogliendo una corta respinta dell’estremo difensore modenese, porta in vantaggio il Ferrara che da questo momento controllerà sempre la partita, allungano anche fino al massimo di 3 reti di vantaggio (4 a 1) e resisterà al forte ritorno della squadra canarina, quando, in particolare, nella ripresa beneficiando anche di una espulsione per proteste, i l Ferrara dovrà fare a meno per 10 minuti dell’ottimo difensore Valente.
A questo punto il Modena recupera e spinto dal numeroso pubblico di parte sembra poter ritornare al pareggio riportandosi sul 3 a 4, ma Cornetti prima, e Zabbari poi, riportano, a 10 minuti dal termine, il vantaggio per il Ferrara, ad una situazione più tranquillizzante (6 a 3) smorzando le residue velleità modenesi.
Il Modena continua a spingere e sembra mettere alle corde gli estensi che anche se qualche cosa devono cedere riescono a controllare fino alla fine il risultato che si chiude con un successo che va oltre al 6 a 5 che indica il tabellino.Il Modena infatti ha segnato la gran parte delle reti nei momenti di superiorità numerica dovute alle espulsioni temporanee di atleti ferraresi che anche in questa partita sono state, per la verità, troppe. E questo è un problema che l’allenatore Frizzi dovrà risolvere, anche perché non si può giocare (vedi la media) metà partita con un uomo in meno. Così continuando, prima o poi, questo particolare peserà sui risultati.
Del resto che altro dire?: ancora un’ottima prova dei ferraresi che continuano a stupire gli avversari per la loro bassa età media, per la loro visione di gioco e per un’attenta direzione tecnica, infatti ancora una volta i ragazzi sono stati messi in campo, dal “coach” Frizzi, con precisione ed accortezza.

12507253_1070769306277313_4611856127404134993_n